Tassa annuale di iscrizione

Tassa annuale di iscrizione

A partire dall’anno 2017, l’ordine delle Professioni Infermieristiche di Belluno ha affidato a Italriscossioni S.r.l. il servizio di gestione della tassa annuale di iscrizione all’Albo Professionale.

Per l’anno 2020 l’ammontare della quota d’iscrizione (invariata dall’anno 2012) e pagabile mezzo modalità PagoPA è di Euro 76,50

Per qualsiasi richiesta relativa al pagamento della tassa annuale contattare il Front-office di Italriscossioni S.r.l. nei giorni feriali:

  • dalle ore 9:30 alle 13:00 e dalle ore 14:00 alle ore 16:00
  • recapiti 06 45479430 – 06 45479431
  • posta elettronica all’indirizzo info@italriscossioni.it

Ricordiamo che in caso di mancato pagamento (1 anno di morosità), oltre alle comunicazioni inviate dall’agente riscossore, l’Ordine provvede a inviare 3 ulteriori comunicazione di sollecito con contestuale convocazione in sede per rendere spiegazioni in merito.

La cancellazione dall’Albo per morosità, cogente da regolamento, avviene solamente dopo aver compiuto tutti gli atti previsti dal regolamento e dalla normativa.


26/03/2020 – Nota del Presidente 

Argomento quota annuale.
Alcuni Colleghi chiedono informazioni in merito al pagamento della quota.
Mi sembra giusto essere chiaro, trasparente e comunque chiaro in tal senso e vado per punti:
– i bilanci annuali sono in equilibrio, certamente non ricchi e regolarmente pubblicati nella sezione Amministrazione Trasparente del nostro sito;
– nessun componente del Consiglio Direttivo o dei Revisori dei Conti ha alcun compenso, indennità o gettone per l’attività svolta, per cui le entrate servono esclusivamente per le attività dell’Ordine e per la sua sostenibilità;
– la quota di iscrizione è invariata dal 2012, scelta precisa dei vari Consigli che si sono succeduti e, mi si consenta, scelta diretta di questa presidenza in carica, appunto, dal 2012. Era sostenibile, si è fatto;
– a bilancio abbiamo quote importanti di morosità non riscosse, problema non banale, che si è creato nel tempo per diretta mia responsabilità: non ho mai voluto essere troppo drastico, confidando (malamente) sul senso di responsabilità di molte persone;
– credo sia ovvio, ma comunque verificabile a bilancio, che ci sono importanti impegni da mantenere per la vita dell’Ordine e questi non sono derogati o derogabili.
Ne consegue che non ci sarà alcuna deroga al pagamento della quota, che, pertanto, seguirà il medesimo scadenziario degli anni passati.
Per qualunque ulteriore chiarimento in merito sono pienamente a disposizione.

dr. Luigi Pais dei Mori
Presidente